mercoledì 2 novembre 2011

...con farina di farro e di castagne

...con farina di farro e di castagne

E' un pane che ricorda l'autunno per il suo colore e il sapore delle castagne. Il latticello conferisce al prodotto finale un'ottima sofficità.
E' favoloso a colazione con burro e marmellata, o con un filo di miele. Straordinario con i formaggi.


PANE CON FARINA DI FARRO E DI CASTAGNE
da una ricetta di Richard Planer e Babs

.800 g di farina 0 - W 260
.200 g di farro semi-integrale
.100 g di farina di castagne
.15 g di lievito
.1 cucchiaino di malto
.600 g di latticello*
.60 g di burro morbido
.2 cucchiai scarsi di anice macinato
.20 g di sale

*Il latticello si può sostituire con 300 g di yogurt naturale magro e 300 g di latte scremato miscelati insieme oppure con 600 ml di latte scremato (se è possibile, io ho usato quello parzialmente scremato)  e 30 ml di succo di limone, lasciando poi riposare il latte, reso più acido, per 20' a temperatura ambiente.

Preparate un poolish con 600 g di latticello appena intiepidito ( non deve superare i 38°!), 600 g di farina 0, 1 cucchiaino di malto e il lievito. Lasciate che gonfi per 2 ore e mezza - 3 a temperatura ambiente (22° circa).
Miscelare il resto delle farine e disporle a fontana sulla spianatoia, sistemando il sale e l'anice macinato all'esterno. Versare il pre-impasto maturato al centro e asciugarlo con la farina. Battete l'impasto per 10' circa, fino a quando sarà ben elastico e liscio. Chiudete il burro al centro dell'impasto e battete nuovamente fino a quando sarà completamente amalgamato.
Ponete la pasta in una ciotola unta di burro e lasciate lievitare a circa 26° fino al raddoppio. Sgonfiate poi l'impasto e date una piega del primo tipo. Coprite la massa con la ciotola. Dopo 30', dividete la pasta nelle pezzature desiderate e formate preferibilmente in trecce: rispetto ai filoncini, le trecce sono rimaste molto più soffici, meno compatte.
Lasciate lievitare ancora fino al raddoppio a 28° circa.
Spennellate con del latte e infornate per 20' a 200° con il pentolino colmo d'acqua sistemato sul fondo del forno.




Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

6 commenti:

  1. Immagino il profumo di questo pane!!!!

    RispondiElimina
  2. molto molto interessante, grazie anche per la dritta sul latticello, non l'ho mai assagiato mo sono sempre curiosa delle novità ;)

    RispondiElimina
  3. Mi ispira tantissimo questo pane, sa di autunno, sa di casa... e ho giusto del latticello da consumare!!! mi segno la ricetta ma ho dei seri dubbi che venga come il tuo =(((

    RispondiElimina
  4. @Arianna, l'ho portato a una cena di amici e ha profumato tutta la macchina nonostante il sacchetto di carta e quello di tela ;)

    @Cinzia, sì anch'io ero curiosa...il latticello rende il prodotto finale straordinariamente più soffice!

    @Giada, sono sicura verrà benissimo...io impasto a mano e le dritte le trovi sul blog :) fammi sapere se provi!

    Baci!

    RispondiElimina
  5. Che bel blog! Ma dov'eri nascosta? :-D Comunque ora ti ho scovata e mi sono iscritta tra i tuoi sostenitori ;-)

    RispondiElimina
  6. Benvenuta Lucia, mi fa molto piacere :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...